News di informatica e tecnologia

Amazon punta a diventare anche corriere espresso

Amazon vuole diventare corriere espresso. Per questo ha avviato una sperimentazione anche negli Stati Uniti di un servizio di consegna che si chiama Seller Flex. Potrebbe arrivare quindi una vera e propria rivoluzione nell’ambito del commercio digitale per ciò che è relativo agli acquisti sullo store più famoso del mondo. Inizialmente Amazon sta puntando a rivolgersi ai commercianti di terze parti che vendono sulla piattaforma, ma non si sa quali siano gli ulteriori sviluppi di un’iniziativa che sembra stia spopolando.

Fino a questo momento la società si era affidata per le consegne a delle aziende che variano a seconda del Paese. Ma adesso sembra voler attuare un piano che la renda meno dipendente dai servizi esterni. Avanza quindi il colosso mondiale, che sta conquistando sempre più spazio.

Adesso vuole occuparsi delle consegne, gestendo la logistica con il vantaggio di poter concedere anche degli sconti ai commercianti partner. Seller Flex rappresenta una possibilità da non sottovalutare e affonda le sue radici nel tempo, pensando per esempio alle vicende dei droni autonomi Prime Air.

Il servizio di consegna legato direttamente alla società di Seattle è già attiva da circa due anni in India e comincia a muovere i primi passi negli Stati Uniti, soprattutto nella costa occidentale. Non si conoscono dettagli più precisi e la stessa Amazon non ha commentato a tal proposito. Adesso dobbiamo soltanto attendere altri sviluppi e vedere se questi tentativi dell’azienda possano contribuire a creare un network di trasporto globale sempre più efficiente e veloce, chiaramente a vantaggio dei consumatori.

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.